‘Zoo Story: Life in the Garden of Captives’

main_zoo

Non c’è dubbio: Simon e Garfunkel hanno capito esattamente quando hanno cantato"sta succedendo tutto allo zoo." Come mostra Thomas French nel suo nuovo libro"Zoo Story: Life in the Garden of Captives," sta accadendo molto di più di quanto si possa pensare – almeno allo zoo di Lowry Park di Tampa.

Questa è una grande storia. Ha umorismo, drammaticità, tragedia, suspense che cambia pagina e un cast avvincente di personaggi accattivanti / spaventosi (sia animali che umani). Non ho potuto metterlo giù (anche se non posso fare a meno di sentirmi triste per il fatto che questo libro doveva essere scritto in primo luogo).

Ecco l’accordo: molte specie affrontano l’estinzione da perdita di habitat, bracconaggio e altri problemi causati dall’uomo. È una realtà che non può essere negata. Un modo per salvarli è raccoglierli negli zoo dove sono presumibilmente sicuri di vivere e riprodursi – e forse ispirare i visitatori dello zoo a risparmiare ancora di più.

Tuttavia, come dimostra il francese, non è così tagliato e asciugato. Gli animali selvatici stanno davvero meglio nello zoo "santuari"? O dovrebbero rimanere liberi, anche se la loro vita è ridotta? Gli zoo sono davvero solo prigioni, lì per il divertimento e l’intrattenimento degli umani? Domande non felici. E quelli a cui il francese, che mantiene l’obiettività del suo giornalista, non risponde mai davvero.

Un ex giornalista vincitore del premio Pulitzer per il

C’è Herman, uno scimpanzè alfa allevato da umani, che si trasforma in confusione sessuale tra le specie ogni volta che vede una bionda vestita da serbatoio; Enshalla, la tigre e residente adorante del profumo Obsession "stuzzicare"; i guardiani dello zoo Dan e Dustin, il duo esilarante del dipartimento delle erbe (qui annuso il potenziale di successo della commedia); e Lex. Sempre Lex.

A suo merito, il francese evita di diffamare tutti gli umani e di esaltare gli animali. Sì, alcune creature di Lowry Park superano i loro rapitori e alcuni umani sembrano bloccati sulla scala evolutiva. Ma come anche il francese chiarisce, molti non umani sono perfettamente capaci di inspiegabile – e apparentemente premeditato – brutalità, e alcune persone fanno cose incredibili per amore. Anche Lex agisce dal profondo del cuore – almeno all’inizio – pienamente convinto che le sue accuse stiano ricevendo una vita migliore.

C’è un giusto o sbagliato qui? A dire la verità, gli elefanti legati al jet probabilmente sarebbero morti se non si fossero trasferiti. E molti lamantini feriti hanno una seconda possibilità di vita a causa del programma di salvataggio e rilascio di Lowry Park. Ma alcune delle morti raccontate qui (sia umane che non umane) sono chiaramente il risultato del confinamento innaturale di animali selvatici. Esistono alternative migliori degli zoo? O sono l’ultimo rifugio di un pianeta morente? "Storia dello zoo" potrebbe non offrire risposte, ma è un buon punto di partenza.

IT.AskMeProject